Presunta scossa sismica del 4 maggio 2018

Visualizza il testo con caratteri grandi Visualizza il testo con caratteri medi Visualizza il testo con caratteri medi

Agli alunni

Ai docenti

Al personale ATA



 

Comunicazione n.

Oggetto: presunta scossa sismica del 4 maggio 2018

Si comunica che, a seguito della grave situazione verificatasi il giorno 4 maggio 2018., che ha visto gran parte delle classi uscire dalle aule, senza alcun segnale di allarme, a seguito di una presunta scossa di terremoto, in realtà mai verificatasi, gli alunni, i docenti e il personale tutto, ampiamente formati e informati sui comportamenti da tenere in situazioni di emergenza, sono tenuti a rispettare rigorosamente il piano di emergenza della scuola, soprattutto in caso di terremoto.

A tale scopo si ribadiscono alcuni principi delle procedure di emergenza, già comunicati a tutti, presenti sul sito, ripetuti in prossimità delle prove di evacuazione e sinteticamente descritti sulla cartella della sicurezza esistente in ogni aula.

Il piano di emergenza prevede, infatti, nel caso di una scossa di terremoto (anche presunta) i seguenti comportamenti da compiere immediatamente per tutti (alunni, insegnanti e personale della scuola):

 

A. portarsi sotto i banchi (cattedra o architrave per gli adulti), o, in alternativa sedersi a terra con le gambe sotto i banchi e la sedia sul capo, se si è nelle aule, oppure sotto tavoli, vicino a muri portanti, colonne e restare in tale posizione in attesa del segnale di evacuazione o di altra comunicazione da parte della scuola o del docente;

B. l'ordine di evacuazione dell'edificio deve essere dato dal Dirigente, dai suoi collaboratori e, in assenza di questi, dal docente individuato e segnalato come responsabile dell'Istituto in quel particolare giorno ed ora. Nessun docente o altro personale della scuola né, tantomeno, alcun alunno può assumersi la responsabilità di far evacuare la scuola: la mancata osservanza di questi principi metterebbe in serio pericolo la massa enorme di studenti, in una evacuazione disordinata.   

C. l'allarme è sempre segnalato con suono lungo della sirena o dal personale ausiliario assegnato al piano.

 

Si ribadisce che non è stata segnalata alcuna scossa sismica nella mattinata del 4 maggio sul territorio vesuviano e che il movimento percepito nelle classi è stato causato probabilmente da lavori in corso nelle vicinanze della scuola e che, in ogni, caso, anche di fronte a scosse sismiche presunte, occorre attivare con perizia le norme del piano di emergenza.

Si ricorda che le inadempienze alle norme di sicurezza che possono causare danni a persone e cose sono perseguibili penalmente e che per le classi e i docenti potrebbero essere previsti ulteriori ore di formazione.

Il dirigente scolastico

Letizia Spagnuolo

Torre del Greco, 4 maggio 2018

Allegati

Non sono presenti allegati in questo articolo

Contatti